Equities

 

Titoli azionari europei: riapertura delle economie regionali e forte domanda di beni globali

I titoli azionari europei, supportati dalla riapertura delle economie regionali e dalla forte domanda globale di beni, hanno chiuso il mese in rialzo. Un altro importante fattore di sostegno è stato l'accelerazione delle campagne di vaccinazione, soprattutto nell'Eurozona, che ora sta recuperando rispetto al Regno Unito e agli Stati Uniti.

Sebbene l'epidemia si stia chiaramente attenuando nei paesi avanzati, la nuova variante delta ha recentemente provocato un'impennata di nuovi casi nel Regno Unito, dove è oramai diventata il ceppo dominante e ha fatto risalire il tasso di contagio. Questa nuova variante rappresenta ora la maggior parte dei casi, anche se la forte introduzione della vaccinazione ha comportato bassi tassi di ricovero e la pressione sui sistemi sanitari dovrebbe rimanere gestibile senza nuove misure "drastiche". I casi del Regno Unito rappresentano ora quasi il 70% dei casi nell'UE5. Nonostante i significativi progressi compiuti, la copertura dei vaccini nei paesi avanzati è tutt'altro che sufficiente per ottenere l'immunità di gregge.

Le misure sanitarie hanno impedito all'economia di proseguire la ripresa durante l'inverno. Tuttavia, con l'attenuazione delle restrizioni, è da poco ripresa la mobilità. Questo dovrebbe sostenere i consumi, come evidenziato dall'ultimo PMI dei servizi e dal miglioramento della fiducia delle famiglie. Più precisamente, l'indice PMI dell'eurozona ha registrato un forte guadagno, sostenuto da un rimbalzo dei servizi, riaffermando la nostra opinione che l'eurozona entrerà a far parte del resto dei mercati sviluppati nell'assicurare una solida crescita a metà anno. Al di fuori dei PMI, i dati europei sono rimasti solidi, con l'indagine sul sentiment economico che ha continuato il suo forte slancio al rialzo da febbraio, raggiungendo il livello più alto dal 2000.

Prevediamo una crescita del PIL del 4,6% nel 2021 e, pertanto, entro la fine dell'anno, prevediamo che si avvicini al trend. I vincoli sul fronte dell'offerta continuano a penalizzare la produzione manifatturiera; tuttavia, la ripresa della crescita globale dovrebbe sostenere l'attività. La domanda pent-up e l'allentamento delle misure di distanziamento sociale dovrebbero alimentare i consumi nei prossimi mesi, tanto più perché la fiducia delle famiglie è migliorata notevolmente. Tuttavia, riportare l'economia alla piena occupazione richiederà probabilmente più tempo.

La Decisione relativa alle risorse proprie è stata ora ratificata da tutti gli Stati membri, aprendo la strada ai primi pagamenti ai governi. Tuttavia, i pagamenti futuri saranno subordinati al raggiungimento di una serie di tappe fondamentali che metteranno alla prova la capacità di supervisione dell'UE e la capacità di assorbimento degli Stati membri.

L'inflazione è aumentata ma sembra improbabile un'accelerazione sostenuta. Inoltre, tra i membri dell'area dell'euro esistono molte disparità.

La BCE resterà accomodante per mantenere condizioni di finanziamento favorevoli; la sua revisione strategica porterà probabilmente a un obiettivo di inflazione più simmetrico.

In termini di utili, i mercati europei stanno rivedendo positivamente le loro stime di luglio, in particolare sui titoli ciclici.

Per quanto riguarda i flussi azionari, abbiamo osservato afflussi significativi nel 2° trimestre, mentre principalmente nel 1° trimestre per i mercati statunitensi, ma i volumi stanno iniziando a calmarsi.

Sulla base della nostra matrice P/B contro ROE, alcuni settori (come finanziari e utility) restano interessanti, mentre i beni di prima necessità, in ritardo rispetto ai beni di consumo voluttuari, hanno iniziato a recuperare terreno. Il settore IT, da parte sua, prosegue il suo percorso "al massimo storico".

In termini settoriali, il settore sanità ha realizzato la miglior performance, in particolare il titolo growth di questo segmento. Un rallentamento dei rendimenti dei titoli di Stato a lungo termine ha portato a un ritorno dei titoli growth, mentre le attrezzature biotecnologiche e sanitarie (tra le altre) si inseriscono bene in questo contesto. Al contrario, i finanziari hanno sottoperformato, in linea con l'andamento dei tassi d'interesse.

I tassi d'interesse sono ancora lievemente calati e i mercati dovrebbero adottare un atteggiamento attendista per il 2021 e non prevedere variazioni concrete dei tassi prima del 2022. Tuttavia, il 2° semestre 2021 dovrebbe offrire alcune opportunità a breve termine. Ad esempio, dovremmo osservare opportunità sui titoli value quando sia i flussi turistici estivi che la variante delta generano dubbi sul mercato. Detto questo, il nostro scenario principale resta che le vaccinazioni continueranno a crescere e che forme gravi di variante delta di COVID rimarranno sotto controllo. Ciò potrebbe quindi rassicurare i mercati e far crescere nuovamente i titoli value alla fine dell'anno. Più in generale, gli investitori, guardando al 2022, dovrebbero basarsi più sui fondamentali che sul sentiment del mercato.

Di conseguenza, tutti i nostri rating restano invariati, in attesa di una maggiore visibilità a breve termine.

Abbiamo mantenuto il nostro rating su finanziari e banche a +1. Dopo la forte ripresa da inizio anno, e da inizio novembre il rapporto rischio/rendimento è ora meno interessante, pur mantenendo il nostro rating data l'elevata probabilità di un'ulteriore evoluzione positiva dei tassi a lungo termine. Potremmo essere più prudenti per il settore banche entro la fine dell'anno, in quanto prevediamo un aumento degli accantonamenti nel 2022.

Abbiamo mantenuto il nostro rating negativo su automotive e componenti di base e beni di consumo voluttuari. I megatrend del settore (elettrificazione, guida autonoma, ecc.) richiederanno agli OEM di effettuare grandi investimenti che peseranno sui margini.

Abbiamo mantenuto il nostro -1 sulle utility, dopo la forte sottoperformance da inizio anno del settore. Restiamo sottoponderati, ma in misura minore, in quanto il piano ESG di Biden sta incrementando la domanda in termini di capacità rinnovabile. Inoltre, il governo spagnolo ha avviato un nuovo progetto fiscale sulle utility.

Abbiamo mantenuto +2 su beni di prima necessità (alimenti e bevande, prodotti per la cura della casa e della persona) a causa della loro valutazione molto interessante e del basso livello di rischio. Questo settore è un operatore di alta qualità e sovraperformance sul lungo termine. Infine, il settore è molto sottostimato rispetto al suo benchmark e ai suoi livelli storici.

Equities

 

Titoli azionari statunitensi: maggiori stimoli fiscali

I mercati azionari statunitensi hanno chiuso il mese in rialzo. La sovraperformance degli Stati Uniti può essere ridotta alla ripresa dei titoli growth e alla prospettiva di maggiori stimoli fiscali, poiché Joe Biden ha raggiunto un accordo bipartisan per sostenere la spesa infrastrutturale di 600 miliardi di dollari.

Negli Stati Uniti l'epidemia sembra essere sotto controllo. Tuttavia, la variante delta è diventata il ceppo dominante, aumentando il tasso di contagio. Un maggior numero di ceppi contagiosi aumenta la quota della popolazione vaccinata necessaria per evitare la trasmissione esponenziale del virus. Nonostante i significativi progressi compiuti, la copertura dei vaccini nei paesi avanzati è tutt'altro che sufficiente per ottenere l'immunità di gregge. A meno che il ritmo della vaccinazione non acceleri negli Stati Uniti, una nuova ondata di contagi è lo scenario più probabile. Tuttavia, la pressione sui sistemi sanitari dovrebbe rimanere gestibile senza nuove misure "drastiche".

Rallentamento dello slancio di crescita: in giugno, l'attività manifatturiera è rimasta solida, ma le aziende e i fornitori hanno continuato a faticare per soddisfare la domanda in crescita. Di conseguenza, vi sono stati alcuni timori di un picco dei dati macroeconomici, in particolare negli Stati Uniti, dove il PMI composito dell'indice flash di giugno si è ridotto (sulla scia di un calo dei servizi da un massimo storico di 70,4).

Alla fine del 1° trimestre, l'economia aveva recuperato gran parte del terreno perduto durante la pandemia. La crescita degli investimenti residenziali dovrebbe ora essere limitata, mentre gli investimenti delle imprese dovrebbero continuare a sostenere la crescita. I risparmi in eccesso accumulati, nelle mani delle famiglie ad alto reddito, dovrebbero sostenere la ripresa dei consumi di servizi. Per il 2021-22, si prevede che solo una parte dei risparmi dovuti al "poco consumo" verrà spesa.

Al Congresso è in discussione un piano infrastrutturale bipartisan pari a 1,2 trilioni di dollari. Tuttavia, molte voci dell'agenda di Biden sono state escluse dall'accordo bipartisan, tra cui un'azione più ampia sul cambiamento climatico e misure di "infrastrutture umane" come un aumento del credito d'imposta per i bambini e l'assistenza agli anziani.

L'inflazione ha accelerato, ma senza alcun meccanismo di auto-rafforzamento; questo dovrebbe rivelarsi transitorio (anche se più duraturo di quanto alcuni si aspettano). I disallineamenti di manodopera si sono manifestati in diversi settori, creando tensioni sui salari, ma nel complesso queste pressioni sono ancora tutt'altro che estreme e il massimo occupazione resta lontano.

Anche se la Fed attenderà progressi sostanziali sul mercato del lavoro prima di limitare la sua politica e preparerà il mercato al tapering. Pur non apportando cambiamenti nella politica e scarsi cambiamenti nelle sue previsioni economiche oltre quest'anno, alla riunione di giugno il FOMC ha modificato le sue previsioni in direzione aggressiva. Era prevista la politica di bilancio "arrestante" iniziata nel corso della riunione. Tuttavia, le previsioni mediane per l'inizio della normalizzazione sono aumentate in modo più deciso, con sette membri del comitato che annunciano l'aumento dei tassi il prossimo anno. Questo cambiamento rispecchia ampiamente l'attenuarsi dei rischi legati alla pandemia che probabilmente hanno tenuto la maggior parte dei funzionari della Fed prudenti durante la riunione di marzo.

Prevediamo una crescita del PIL del 6,5% nel 2021 e del 4% nel 2022. Il nostro scenario vede la maggior parte della popolazione vaccinata entro l'estate 2021, consentendo una graduale cessazione del distanziamento sociale. Le misure fiscali sostengono la ripresa.

Momentum degli utili ancora solido: Nel complesso, le previsioni generali di EPS per gli Stati Uniti non ci appaiono eccessivamente pessimistiche. Sulla base della crescita del PIL, potremmo assistere a qualche miglioramento. Tuttavia non ci si dovrebbe aspettare un rimbalzo della stessa portata di quello previsto per il PIL in quanto il calo degli utili è stato molto più contenuto per le società S&P. La nostra previsione (sulla base del nostro modello) prevede un miglioramento dell'EPS leggermente superiore alla previsione generale, ma non di un ampio margine (~5% alla fine del 2022, che potrebbe non essere statisticamente significativo). È inoltre previsto un EPS FW inferiore a-12 mesi.

Gli Stati Uniti restano la regione più costosa con un P/E forward a 12 mesi in media di 21,9 contro 18,7 per il mondo e 17,1 per l'UEM.

Sulla base della nostra matrice ROE vs. P/B, settori quali finanziari, energia, utility, materiali, sanità e beni di prima necessità sono interessanti. Al contrario, i settori ciclici come consumi voluttuari e industriali sembrano particolarmente costosi.

In termini settoriali, le migliori performance sono state registrate nei settori IT e sanità. Un rallentamento dei rendimenti dei titoli di Stato a lungo termine (in parte a causa della rapida diffusione della variante delta del virus COVID-19) ha portato a un ritorno dei titoli growth, e IT, biotecnologie e apparecchiature sanitarie (tra gli altri) si inseriscono bene in questo contesto. Per contro, finanziari e materiali hanno registrato le peggiori performance.

A nostro parere, il 2° semestre 2021 dovrebbe offrire alcune opportunità a breve termine. Ad esempio, dovremmo osservare opportunità sui titoli value, quando sia i flussi di turismo estivo che la variante delta generano dubbi sul mercato. Tuttavia, il nostro scenario principale resta che le vaccinazioni continueranno a crescere e le forme gravi di variante delta di COVID rimarranno sotto controllo. Ciò potrebbe quindi rassicurare i mercati e far crescere nuovamente i titoli value alla fine dell'anno. Più in generale, gli investitori, guardando al 2022, dovrebbero basarsi più sui fondamentali che sul sentiment del mercato.

Di conseguenza, tutti i nostri rating restano invariati in attesa di una maggiore visibilità a breve termine.

Manteniamo un materiale neutro. Il rapporto rischio/rendimento sfavorevole, le valutazioni elevate e i prezzi delle materie prime sono ora troppo elevati, a nostro avviso, e gran parte delle materie prime è ora al di sopra dei livelli pre-pandemici.

Manteniamo la nostra forte sovraponderazione sulle banche.

Manteniamo il nostro rating neutro sull'IT, poiché è ancora troppo presto per aumentare la nostra esposizione. Tuttavia, si tratta di una mossa puramente tattica, dato che rimaniamo, a medio e lungo termine, molto rialzisti, ma l'aumento dei tassi d'interesse a 10 anni ci ha convinto a ridurre il nostro rating sul breve termine. Si tratta, tuttavia, di una vera neutralità, ben lontana da "Sell", in quanto i profitti sono stati positivi e, ancora una volta, i motori del settore sono importanti (innovazione, infrastrutture IT, 5G, semiconduttori).

Aumentiamo la nostra posizione neutra sui beni di prima necessità da -1 a neutra, poiché il settore ha sottoperformato il suo movimento a 10 anni e le valutazioni sono troppo basse per rimanere UW.

Equities

 

Mercati emergenti: sotto pressione con la variante delta

I titoli azionari dei mercati emergenti hanno chiuso il mese stabili (giugno -0,1%, da inizio anno +6,5% in USD), sottoperformando i titoli azionari dei mercati sviluppati dell'1,5%. Con la Fed che ha indicato di discutere il tapering nelle prossime riunioni e la possibile normalizzazione anticipata della politica, il dollaro ha guadagnato, mentre i rendimenti sono scesi, tenendo conto della natura transitoria dell'inflazione. Nell'ultima parte del mese, tuttavia, la legge sulle infrastrutture bipartisan negli Stati Uniti ha stimolato la propensione al rischio e i titoli azionari dei mercati emergenti hanno guadagnato terreno. Le valute dei mercati emergenti hanno ampiamente perso terreno a causa del rafforzamento dell'indice del dollaro (+2,9%).

Tra i mercati emergenti, i pesi massimi di Cina (-0,4%) e Taiwan (+0,4%) sono rimasti ampiamente invariati nel mese, con un calo dei rendimenti che ha aiutato i titoli tecnologici e growth. Da un lato, le materie prime sono calate dai massimi di maggio, poiché la Cina ha ridotto i prezzi delle materie prime. Il rischio di variante del Delta ha pesato sui mercati ASEAN, dove il ritmo della vaccinazione continua a perdere terreno.

L'America Latina ha sovraperformato nel mese (giugno +2,4%), con i mercati delle materie prime che hanno guadagnato terreno sulla scia dell'aumento dei prezzi del petrolio (Brent US$75,12/barile). Il Brasile (+4,8%) è stato uno dei mercati migliori nel mese, con nuove riforme fiscali e aspettative di una riapertura più rapida

Tutti i nostri gradi restano invariati.

Cina "perdita dello slancio": (1) Crescita piatta (2) Contrazione delle condizioni di credito (3) Intervento sui mercati delle materie prime per controllare l'inflazione manifatturiera (4) Repressione tecnologica in corso.  Fino a ora non ci sono sorprese quest'anno: virus contenuto, economia che continua ad aprirsi, nessuna prova della trasmissione dell'inflazione. Nessuna grande notizia in termini di commercio USA-Cina. Revisioni al ribasso della crescita del PIL 2021: (1) debolezza dei consumi (beni durevoli), (2) rallentamento degli investimenti nelle infrastrutture - riduzione del sostegno fiscale (3) debole domanda di credito (4) apprezzamento del CNY (forte esportazioni e disciplina fiscale = valuta di riserva - "cura lunga"), (5) 1,2 miliardi di vaccini anti-COVID somministrati. A causa della relazione molto forte tra l'impulso al credito cinese e le azioni cicliche, il ribilanciamento del portafoglio è a margine. La visibilità limitata sulle politiche, ma con l'allentamento della dinamica di crescita, potrebbe diventare più favorevole nel 2° semestre 2021. MERCATO DELLA SELEZIONE DEI TITOLI.

Manteniamo il nostro +1 sul Messico, poiché la continua corsa del valore e la ripresa negli Stati Uniti dovrebbero favorire il Messico - ciclici rispetto a considerazioni ESG. Il presidente in carica che perde la maggioranza qualificata (2/3) al Congresso (mantenendo la maggioranza semplice) ha ridotto l'incertezza politica.

Confermiamo la nostra raccomandazione all'Europa emergente da -1 a neutra sulla ripresa della crescita - vaccinazioni/COVID - Europa - materie prime. Tuttavia, la selezione dei titoli resta fondamentale.

Manteniamo il nostro rating in Brasile, una leva elevata sulle materie prime, i titoli value e ciclici, la selezione dei titoli/un problema ESG. La crescita del PIL è in fase di miglioramento con la ripresa dell'economia e la ripresa delle vaccinazioni (100 milioni di dosi somministrate). Il BRL si è rafforzato sull'azione della CB e sull'aumento dei prezzi del petrolio. Riforme facoltative.

Restiamo neutri sull' ASEAN, mentre anche il COVID ha avuto un impatto sulla riapertura nella regione ASEAN, che non beneficia pienamente della crescita globale e della ripresa del valore. Selezione titoli.

Restiamo neutri sull'India, dopo la recente forte ripresa del mercato a seguito della debolezza della grave ricomparsa del COVID, dovuta alle valutazioni elevate e al rischio valutario - mercato piatto dal nostro upgrade a Neutro.

Restiamo neutri su Taiwan, storie di crescita strutturale, forti rischi geopolitici tecnologici, tuttavia, ci impediscono di portarci su OW.

Manteniamo la sovraponderazione (+1) su materiali, in ragione del forte sostegno dell'offerta/domanda a lungo termine; - non sono escluse, tuttavia, alcune prese di profitto a breve termine dopo la forte performance. Ridimensionare i vincitori.

Restiamo neutri su sanità. Tuttavia, positivo a lungo termine + potenziale di miglioramento dopo un periodo di debolezza.

Manteniamo la sovraponderazione su semiconduttori e macchinari, sulla base del forte slancio positivo di offerta/domanda; - non sono escluse, tuttavia, alcune prese di profitto a breve termine dopo la forte performance.

Infine, abbiamo continuato a mantenere un portafoglio bilanciato, combinando un'esposizione ai titoli "value/ciclici" e "apertura" con titoli e settori growth di qualità (tecnologia, sanità, CD) che hanno in qualche modo protetto il portafoglio dalle prese di profitto in titoli growth più sensibili ai tassi d'interesse e a duration più lunga, che hanno subito pressioni di vendita verso fine mese. Di conseguenza, in termini di stili, siamo più bilanciati tra crescita/valore e ciclici e stiamo riducendo la propensione al momentum come fonte di finanziamento, nonostante la nostra visione positiva a lungo termine

Equities
Equities