05 OTT

2020

SRI , Argomenti

Una transizione energetica giusta: Il dibattito presidenziale americano mostra come l'Europa sia all'avanguardia

Anche se gli elettori speravano in domande sul cambiamento climatico nel primo Dibattito presidenziale americano, pochi se le aspettavano. 

Alla fine, quasi dieci minuti del dibattito del 28 settembre sono stati dedicati al cambiamento climatico, più che in tutti e tre i dibattiti del 2016. Trump è stato spinto sulle sue 'credenze' scientifiche in materia di cambiamento climatico, mentre Biden è stato sottoposto ad un interrogatorio sulle differenze tra le sue proposte e il più costoso 'Green New Deal' proposto dall'estrema sinistra. Bisognerà contare su altre domande nei dibattiti e sulla stampa mentre le elezioni negli Stati Uniti si avvicinano.

"Possiamo arrivare allo zero netto in termini di produzione di energia entro il 2035. Non solo tagliando posti di lavoro, ma creando posti di lavoro", ha detto Biden.

Ahh, ecco che arriva. La necessità di una transizione energetica giusta anche negli Stati Uniti.

L'ex vicepresidente degli Stati Uniti Biden ha sottolineato il suo lavoro sull'American Recovery and Reinvestment Act del 2009, che ha fornito finanziamenti per le energie rinnovabili. Ha evidenziato alcune parti del suo piano per il 2020, come gli incentivi per il miglioramento degli edifici contro gli agenti atmosferici, l'elettrificazione della flotta federale e gli incentivi per favorire l’occupazione nel settore delle energie rinnovabili. 

Il dibattito ha sottolineato quanto l'Europa si trovi più avanti nell'affrontare il problema della Just Energy Transition. Il cambiamento spesso produce vincitori e vinti - non dobbiamo ingigantire ulteriormente le disuguaglianze della nostra società mentre cerchiamo di preservare il nostro ambiente e il nostro clima.

 

Siete interessati a saperne di più?
Leggete il nostro documento di posizione.