18 GIU

2020

Documenti di ricerca , SRI , Argomenti

Una giusta transizione energetica: impatto sui produttori di energia europei

Le imprese europee produttrici di energia coprono un ruolo fondamentale nella corretta transizione verso le energie rinnovabili. Gli analisti ESG di Candriam hanno condotto dei sondaggi per valutare se, e in che modo, queste imprese stanno integrando le conseguenze sociali nelle proprie decisioni e attività di pianificazione. Possiamo essere sicuri che "nessuno verrà lasciato indietro"?

L'Unione europea ha messo a punto un piano di grande portata per decarbonizzare l'economia e raggiungere la neutralità delle emissioni di carbonio entro il 2050. Questo obiettivo altamente ambizioso, ma necessario, richiederà un'ingente riallocazione delle risorse umane, finanziarie e normative, con un passaggio da attività ad alta intensità di carbonio a scenari a basse emissioni o addirittura completamente nuovi. Alcune attività come la generazione di energia tramite carbone termico verranno eliminate.

Come tutte le trasformazioni industriali, questo cambiamento renderà alcuni posti di lavoro obsoleti, mentre altri diventeranno molto ambiti.

La gestione dell'impatto sociale è una sfida cruciale della transizione energetica. La potenziale creazione di uno scenario iniquo dal punto di vista dei benefici e dei costi viene amplificata dalla ripartizione disuguale dell'intensità delle emissioni delle centrali elettriche tra i diversi paesi. Nell'ottica del raggiungimento dell'obiettivo della decarbonizzazione, i paesi europei a maggiore intensità di carbonio nella produzione di energia chiederanno probabilmente assistenza ai paesi più efficienti.