25 OTT

2018

Asset Class , Green Metals , SRI

Il rame, alleato inaspettato della transizione energetica

Utilizzato sin dal tempo degli antichi Egizi per le sue virtù medicinali, il rame è entrato a far parte dell'epoca moderna nel 20º secolo, con l'avvento dell'elettricità. La sua storia è al tempo stesso antica e moderna. A causa della sua superconduttività, il metallo rosso è il materiale fondamentale per la trasmissione elettrica. Ed ecco come il rame si è trasformato in un alleato della rivoluzione verde dei trasporti.

Secondo l’International Copper Association (ICA), un veicolo elettrico può richiedere l'utilizzo di fino a 6 km di cablaggio in rame. Secondo le stime dell'IEA, se si tiene conto dell'incremento della potenza della batteria negli anni a venire e, dunque, della quantità di rame utilizzato, la differenza tra la quantità di rame utilizzata in un veicolo a combustione interna e in un veicolo elettrico potrebbe arrivare a 300 kg nel 2030.

Secondo quanto previsto da certi analisti, fra 10 anni i veicoli elettrici potrebbero rappresentare fino al 6% della domanda di rame, rispetto alla percentuale inferiore all'1% di oggi.

Lo sviluppo delle infrastrutture per la ricarica dei veicoli elettrici contribuisce ulteriormente la domanda, soprattutto se si considera che il rame destinato alla rete elettrica e alle ricariche può rappresentare quasi un quarto della domanda legata a questi veicoli. Basti pensare alla Cina, che ambisce a diventare uno dei leader nel settore delle autovetture elettriche, e alla necessità di investimento nella rete elettrica, per immaginare la crescita della domanda di rame negli anni a venire.

Pur non rappresentando un elemento di rivoluzione tecnologica, il rame promuove così la transizione energetica e l'elettrificazione dei trasporti in virtù delle sue doti di superconduttività. E il suo ruolo nella transizione energetica non deve essere sottovalutato.

I grandi operatori di mercato che si dimostreranno in grado di far fronte all'evoluzione della domanda ne trarranno sicuramente grande vantaggio nel medio-lungo termine. BHP, principale gruppo minerario mondiale, considera il rame "una risorsa estremamente interessante". La società, conforme ai nostri principali criteri ESG e presente nell'ambito dei nostri portafogli, fa del metallo rosso uno dei cardini della propria crescita futura.