26 MAR

2019

Asset Class , Macro

Cina: calo dei margini a sostegno della domanda interna


Se nel 2017 hanno inasprito le condizioni sul credito e tentato di frenare il diffondersi del sistema bancario ombra, da un anno le autorità cinesi hanno prudentemente allentato le loro politiche. L'obiettivo è stabilizzare l'economia per evitare tensioni sociali che si scatenerebbero inevitabilmente in caso di aumento della disoccupazione. La strategia consiste nell'agire a piccoli passi, su tutti i fronti possibili: aumento della spesa per le infrastrutture, promozione del credito alle piccole imprese e a quelle dei settori ritenuti prioritari nell'agenda 2025...

La strategia prevede, in particolare, un sostegno del consumo mediante imposte più basse, aliquote IVA ridotte e sostegno all’uso di automobili nelle aree rurali. Il compito delle autorità, tuttavia, è tutt'altro che semplice: i tassi di dotazione delle famiglie in area urbana, in particolare, sono attualmente elevati, se non prossimi alla saturazione. Alla luce del livello di sviluppo, il ritmo di crescita nell’uso di autovetture dovrebbe continuare a rallentare (grafico 1). L'accelerazione dei consumi si basa attualmente sul sostegno al reddito delle famiglie rurali (cui tasso di dotazione è ancora distante da quello delle famiglie urbane) o sullo sviluppo di una maggiore offerta di servizi per incentivare le famiglie urbane a consumare maggiormente (grafico 2).

Nel complesso, se le misure attuate dalle autorità avrebbero dovuto consentire alla crescita di mettere a segno una lieve accelerazione e di far segnare circa il 6% - 6,5%, i margini a sostegno della domanda interna registrano un calo...