Le strategie Equity Market Neutral possono generare performance anche quando i mercati si trovano sotto pressione? Ecco la risposta di Emmanuel Terraz, Global Head of Absolute Return & Quantitative Equity e Head of Equity Market Neutral

Non è un segreto che prevedere le tempistiche dei mercati sia molto difficile, se non impossibile. Nei bull markets, gli investitori raramente ci pensano, ma ogni volta che i prezzi crollano, una delle reazioni è: “avrei potuto fare di più per proteggere il mio portafoglio?”. Alcuni investitori cercano di decorrelare il proprio portafoglio cercando fonti di rendimento che non dipendono dai mercati generali. Questo tipo di rendimenti rientra nell'ambito delle strategie di rendimento assoluto, che si basano sull'obiettivo di garantire un certo grado di mitigazione del rischio per i portafogli.

Le strategie Equity Market Neutral si prefiggono di non dipendere da un particolare contesto di mercato. Il loro obiettivo è quello di generare extra rendimenti e rendere il portafoglio il meno sensibile possibile alle fluttuazioni del mercato.

In che modo ci riescono?

Esistono diversi tipi di strategie. Noi di Candriam, riteniamo che la combinazione di strategie complementari sia fondamentale per generare performance. Ad esempio, le strategie di ribilanciamento degli indici sono più efficaci quando i mercati sono caratterizzati da livelli significativi di dispersione dei rendimenti. Da parte nostra, disponiamo di studi che dimostrano come le strategie Relative Value funzionino generalmente bene quando la dispersione dei rendimenti è bassa. Ciò significa che, quando vengono combinate, queste due strategie possono offrire vantaggi di diversificazione efficaci e fornire buoni rendimenti ponderati per il rischio, indipendentemente dalla direzione del mercato. La combinazione di approcci complementari può anche rispondere alla domanda se una strategia Equity Market Neutral possa generare guadagni nella maggior parte dei contesti di mercato.

Utilizzata in portafogli che comprendono classi di attivi come obbligazioni, immobili e materie prime, una strategia Equity Market Neutral può stabilizzarne la performance complessiva. Poiché queste strategie sono meno correlate alla maggior parte delle classi di attivi tradizionali, possono anche contribuire a ridurre la volatilità del portafoglio e quindi i suoi rischi.

 

Il track record di Candriam

In Candriam gestiamo strategie di questo tipo da quasi 20 anni. Il processo di investimento, che mira a proteggere i portafogli dai trend direzionali del mercato, ha dimostrato la sua efficacia durante periodi turbolenti. Siamo pertanto riusciti ad attenerci al nostro comprovato processo: identificare le opportunità e avviare posizioni quando il rapporto rischio/rendimento risulta interessante.

Il nostro processo di investimento combina due strategie di arbitraggio complementari:  l'acquisto e la vendita di titoli. In primo luogo, vengono assunte posizioni di arbitraggio sui principali indici globali come S&P 500 o Euro Stoxx, in modo da beneficiare delle fluttuazioni dei prezzi durante il loro regolare ribilanciamento. Gli indici generalmente si ribilanciano in modo costante, ma la tempistica può variare a seconda del provider. Durante questo processo, gli indici aggiungono e/o eliminano i titoli e modificano le ponderazioni delle loro componenti esistenti. Tutte queste attività influiscono sui prezzi delle azioni in borsa. Ciò significa che nei periodi di volatilità, al momento del ribilanciamento dei maggiori indici, il mercato mostra una volatilità ancora più elevata.

Infine, costruiamo posizioni di arbitraggio nel portafoglio sulla base delle strategie Relative Value. L'obiettivo è sfruttare le differenze di prezzo relative tra due strumenti simili, come due titoli dello stesso settore.

 

Grafico: performance della strategia Equity Market Neutral

Eq-Market_Neutral_Strategy_IT.JPG

Fonte: Bloomberg e Candriam al marzo 2022

 

Aspetti quantitativi e qualitativi

Nella selezione dei contratti da includere nei nostri portafogli, i due aspetti complementari del nostro processo sono particolarmente utili in questi tempi turbolenti. In primo luogo, utilizziamo strumenti quantitativi per individuare opportunità di investimento. È importante notare che questo metodo è indipendente dal flusso di notizie e dalla volatilità dei mercati. In secondo luogo, attraverso il processo di valutazione e l'analisi qualitativa che applichiamo prima di assumere una posizione specifica, siamo in grado di comprendere i principali fattori di rischio associati a ciascuna opportunità d'investimento e il loro impatto sul nostro portafoglio. Questo processo ci consente di adeguare le dimensioni delle nostre posizioni e di coprirle in modo efficiente nell'attuale mercato.

E la concorrenza?

Non abbiamo concorrenza diretta, ma solo concorrenti indiretti che implementano diverse strategie di rendimento assoluto. Alcuni fondi azionari long/short implementano strategie più "comuni", che possono essere molto affollate in determinate condizioni di mercato. Risultato? Performance deludenti per questi fondi, come abbiamo visto durante la crisi del COVID nel 2020.

A metà marzo 2020, la maggior parte dei gestori di fondi long/short ha ridotto sensibilmente l'effetto leva a fronte dell'aumento della volatilità in questo periodo. Ciò ha avuto un impatto drastico su molti investitori - più fondi effettuano la stessa transazione, peggiore sarà l'impatto sul prezzo del titolo che cercano di scambiare. Il semplice volume transitorio aumenta l'effetto sul prezzo. Poiché queste transazioni hanno innescato un effetto domino che ha portato al raggiungimento di limiti di stop loss in altri fondi, questi hanno anche iniziato a vendere posizioni. Di conseguenza, molti fondi coinvolti in transazioni di questo tipo hanno subito forti ripercussioni e significative fluttuazioni del loro valore patrimoniale netto.

Riteniamo che i punti di forza dell'approccio di Candriam siano il suo esclusivo processo di investimento che combina approcci quantitativi e qualitativi, nonché la compatibilità delle sue strategie con il forte aumento degli investimenti passivi, che è diventato un importante trend di mercato.